I nostri ragazzi e i nostri bimbi sono a casa ormai da qualche giorno a causa dell’emergenza coronavirus ed è normale che non si sappia come impegnare tutta la giornata.



In realtà ci sono tanti modi per impegnare il tempo in maniera proficua, i giochi per esempio sono un valido modo per stare tutti insieme e al contempo allenare diverse abilità.

Spesso il valore dei giochi viene sottovalutato perché si coglie solo la parte ludica in realtà lo stesso gioco può potenziare tantissime abilità e funzioni cognitive, ma vediamo insieme nello specifico una piccola lista di giochi che vorrei consigliarvi a tal proposito.

I 5 giochi da fare con i vostri bimbi

Il Memory

È un gioco di carte a cui si può giocare dai 3 ai 99 anni in famiglia o con gli amici, ci sono tantissime varianti (animali, mezzi di locomozione, personaggi di cartoni animati e fiabe ecc).

Photo by KF, July 2005. – http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Memory_(game).JPG

Inizialmente le carte sono mescolate e sistemate con la faccia rivolta in giù, il primo giocatore inizia girando due carte e mostrandole a tutti i giocatori.

Se queste sono uguali, le prende e va avanti, altrimenti le rigira nella loro posizione e passa il turno a un altro giocatore. Più si va avanti più diventa semplice formare le coppie, vince chi ne scopre di più.

Memory potenzia: la memoria, l’attenzione, la concentrazione, l’osservazione e le abilità visuo-spaziali.

Il Tangram

È uno dei 5 giochi da fare con i vostri bimbi. È un gioco formato da sette tavolette (tan) che inizialmente formano un quadrato.

Foto di protowink da Pixabay

I sette tan sono: due triangoli rettangoli grandi, un triangolo rettangolo medio e due piccoli, un quadrato ed un parallelogramma.

Si può costruire anche da soli usando cartoncini (oppure altri materiali) e ritagliando le forme secondo lo schema. Lo scopo è quello di formare una figura utilizzando tutti i pezzi senza sovrapposizioni.

Il tangram potenzia: la concentrazione, l’osservazione, il riconoscimento di figure geometriche, la pianificazione e le abilità visuo-spaziali.

Uno

È un gioco di carte con i numeri che vanno dallo 0 al 9 e di quattro colori: rosso, verde, giallo, azzurro.

Ph. By Wikipedia Baraja de naipes UNO. 9 Giugno 2005.

Ci sono anche le carte azione come cambio colore, più 2, più 4, cambio giro, blocco. Si può giocare dai 5 ai 99 anni, in famiglia o con gli amici. Dal mazzo iniziale ogni giocatore riceve sette carte, le restanti vengono posate sul tavolo e una carta viene girata.

A partire da quella, i giocatori, rispettando il loro turno, devono giocare la propria carta che deve essere uguale a quella sul tavolo per colore o numero, altrimenti possono scegliere di usare una carta azione. Vince chi resta solo con una carta, si deve dire uno! Altrimenti si riceve una penalità.

Uno potenzia: il riconoscimento di numeri e colori, l’attenzione e permette lo sviluppo di strategie.

Pictionary

È un gioco di società, si gioca a squadre. Il gioco è venduto già pronto ma è anche possibile realizzarlo da sé. Si può giocare dai 6/7 anni, in famiglia o con gli amici.

François Haffner on fr.wikipedia – Photo prise par François Haffner

Bisogna indovinare una parola tramite il disegno di un giocatore della propria squadra, si ha un minuto di tempo. La parola da indovinare si estrae da un mazzo di carte con 4 categorie di parole abbinate a dei colori: gialle (persone, luoghi e animali), blu (oggetti), arancione (azioni), verde (difficili). Se si indovina la parola si va avanti.

Pictionary potenzia la capacità di: linguaggio e rappresentazione grafica di concetti e categorie, pianificazione, concentrazione, riflessione e permette lo sviluppo di strategie.

Giochi Carta Matita

Ultimi della lista ma non perchè meno importanti  tra i 5 giochi da fare con i vostri bimbi ecco i giochi carta matita.

Sono tutti quei giochi fatti con il semplice ausilio di un foglio e una matita ma che permettono lo sviluppo di lessico e conoscenze (fiori, frutta, città; indovina la parola o le lettere mancanti) e potenziano la capacità visuo-spaziale, di pianificazione e lo sviluppo di strategie (tris, battaglia navale).

Per concludere volevo sottolineare come in tutti i giochi in maniera trasversale si sviluppa e potenzia la socializzazione, sia con i pari che con gli adulti.

Si impara il rispetto delle regole, del proprio turno di gioco e a tollerare la frustrazione soprattutto nel momento in cui non si vince.

Sono tutte capacità e abilità che è bene sviluppare sin da piccoli!

 

BUON DIVERTIMENTO!

Ti è piaciuto questo pezzo?

Il contributo è stato realizzato dalla Dott.ssa Giampaola Mura Psicologa Clinica e di Comunità – Via Marconi, 265 – 09045 Quartu Sant’Elena (CA) giampaola.mura@gmail.com Telefono: 348 589 3061