Home Curiosità USA: Denuncia Pornhub per mancanza di sottotitoli

USA: Denuncia Pornhub per mancanza di sottotitoli

0

Un signore non udente, Yaroslav Suris, ha citato in giudizio nientemeno che la celeberrima piattaforma di intrattenimento per adulti per violazione dell’American Disabilities Act (ADA).

Secondo quanto si legge su TMZ, l’uomo sostiene che la mancanza di sottotitoli nei video diffusi dal sito rappresenta una chiara discriminazione e una violazione delle leggi federali.

In altre parole non poter comprendere i dialoghi dei video nella loro interezza gli ha impedito di fruire pienamente del servizio offerto dalla piattaforma.

Secondo lo US Department of Labor (il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti) che si occupa delle politiche occupazionali, l’ADA proibisce la discriminazione nei confronti delle persone con disabilità in diversi contesti, tra cui: occupazione, trasporti, alloggi pubblici, comunicazioni e accesso ai programmi e servizi del governo statale e locale.

Denuncia Pornhub: si tratterebbe di una violazione delle leggi federali

Dunque l’uomo denuncia Pornhub non solo per la mancanza di sottotitoli ma per discriminazione e per avergli causato danni non ben precisati, con annessa la pretesa che la piattaforma inserisca al più presto i sottotitoli nei filmati.

L’uomo scontento ha anche affermato che sia lui che altri utenti sarebbero disposti ad acquistare l’abbonamento premium se questo significasse avere la possibilità di guardare i video con i sottotitoli.

I video non sottotitolati precludono la fruibilità a tutti i non udenti

Sempre secondo TMZ, Corey Price il vicepresidente del sito per adulti, ha cercato di smorzare i toni sostenendo che la piattaforma ha già una category con i sottotitoli.

“Comprendiamo che Yaroslav Suris stia facendo causa a Pornhub perché sostiene gli sia stato negato l’accesso ai nostri video…

“Anche se normalmente non commentiamo azioni legali in essere, vorremmo cogliere l’occasione per sottolineare che abbiamo una categoria di video con i sottotitoli”.

Sul sito sembra infatti esserci una sezione con delle clip sottotitolate, contenente poco più di 400 video.

Insomma il Sig. Suris denuncia Pornhub e chiede i danni (l’ammontare del risarcimento non è noto), inoltre pretende che il sito implementi i sottotitoli in tutti video in modo che possano risultare fruibili anche al pubblico non udente.

E voi che ne pensate? Al signor Suris è stato veramente negato un diritto? O vista la natura del sito i dialoghi hanno ben poca importanza?

 

 

 

Articolo precedenteHakan Sukur: da star del calcio mondiale a driver per Uber
Articolo successivoOggetti riciclati si trasformano in magnifiche opere d’arte
"Da ragazzino ero ossessionato dalla musica, dalla scrittura e dal cantare canzoni". Anthony Minghella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui