Home Arte Oggetti riciclati si trasformano in magnifiche opere d’arte

Oggetti riciclati si trasformano in magnifiche opere d’arte

0

Ormai sul web è piuttosto comune trovare artisti che lavorano oggetti riciclati che altrimenti non avrebbero più alcuna utilità.

Trovare artisti eccezionali invece non è impresa facile, Brian Moch è uno di questi. Mi è capitato di osservare le sue opere e di restare incantato.

Una seconda vita per gli oggetti riciclati 

Si tratta di una forma d’arte che sta riscuotendo un grande successo negli USA e non solo, e ad osservare le foto di alcune opere nel suo profilo Instagram si capisce perché.

Lui è Brian Mock un artista eclettico che fin da piccolo disegna e sviluppa una particolare attitudine alla scultura del legno.

Come inizia la sua avventura?

Sul finire degli anni 90 una intuizione che lo porterà a rivoluzionare il mondo della lavorazione dei metalli.

I materiali riciclati danno una marcia in più alla sua vena creativa ed è così che Brian Moch intraprende un nuovo stimolante percorso.

Dove la maggior parte di noi vede un qualcosa da gettare via, l’artista vede molto di più, si pensi ad oggetti come posate, bulloni, forbici, vecchie forcelle, accendini, varie parti di automobili.

Opera di Brian Mock | Scopri di più su brianmock.com | Instagram | Facebook

Brian Mock è un rivoluzionario della lavorazione del metallo perché riesce a dare nuova vita ad alcuni oggetti che altrimenti avrebbero come unica destinazione la discarica.

Le sue opere sono spettacolari e le reazioni del pubblico sono una conferma del suo magnifico lavoro.

Cresciuto a pane e arte 

Artista fin da tenera età ha imparato a saldare da solo. Ha inoltre acquisito incredibili capacità tecniche che unite alla sua immaginazione e all’esperienza maturata, gli hanno permesso di creare stupendi pezzi d’arte.

Brian trasforma gli oggetti che di solito gettiamo via senza troppi pensieri in sculture mozzafiato di: animali, automobili, persone, robot e mille altri oggetti figurati e personalizzati che possono essere funzionali oppure avere un mero scopo decorativo.

Mock e il suo cane posano spesso nelle immagini nelle quali vengono ritratte le sue opere, questo per far comprendere all’osservatore la misura delle sue creazioni.

Intervistato da Bored Panda ha dichiarato:

“Le mie sculture sono interamente realizzate con oggetti e materiali di recupero (quasi tutti in metallo ma a volte aggiungo pezzi di plastica per dare colore).

…Mi piace che le persone interagiscano con loro, che si divertano a cercare oggetti che possono identificare.

È iniziato come un hobby, ma man mano che miglioravo nella scultura, l’ho trasformato in una professione a tempo pieno ”

I lavori di Brian sono esposti in numerose gallerie negli States, da New York a Maui, in spazi pubblici e in diverse pubblicazioni, tra cui due libri d’arte.

Come si legge tra le righe della biografia nel suo sito ufficiale, le sue sculture sono state acquistate da numerosi hotel di lusso in tutto il Paese, da numerosi collezionisti internazionali e dal museo Ripley’s Believe It or Not.

Ignoro totalmente il costo di queste opere, ma vedendo chi sono gli acquirenti per ora posso solo sognare di adornare la mia casetta con una di queste meraviglie, ma è pur vero che sognare è gratis.

Articolo precedenteUSA: Denuncia Pornhub per mancanza di sottotitoli
Articolo successivoSenzatetto diventa ricco e assume solo altri senzatetto
"Da ragazzino ero ossessionato dalla musica, dalla scrittura e dal cantare canzoni". Anthony Minghella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui