Una ragazza affidabile racconta la storia di Agnese. Agnese torna a Firenze per occuparsi di un’eredità inaspettata. Firenze è la città in cui è nata e cresciuta e da cui è fuggita (è anche la città della stessa autrice del romanzo).

Ad aspettarla  la sorella Micaela, che non vede da diversi anni. La vita di Micaela ha seguito un percorso molto diverso e molto lontano dalle scelte che Agnese ha fatto per sé: una vita tranquilla e sicura nella provinciale Ancona, un bravo marito benestante, due figlie cresciute nel benessere, tutti valori che Micaela, sola, senza un’occupazione fissa, precaria per vocazione e per convinzione, irride.

Una ragazza affidabile: i toni del romanzo classico

Attraverso un confronto scontro, Agnese rivive, sullo sfondo dell’Italia degli anni Sessanta e Settanta, i ricordi dell’infanzia e della giovinezza: la passione per lo  studio, la perenne lotta contro la bilancia, l’attrazione che diventa amore per il cugino Sergio, il rapporto conflittuale con la sorella, l’invidia, mai del tutto riconosciuta, per quella naturale propensione di Micaela a cavalcare le vicende del suo tempo con naturalezza e incoscienza.

Ha i toni del romanzo classico, quando affronta  il rapporto con la sorella ai limiti dell’astio nascosto prima e manifestato poi: sorelle dal carattere opposto – una tranquilla e disciplinata, l’altra seduttiva e ribelle.

Un Valzer di colpi di scena

La resa dei conti arriva dopo anni di incomprensioni e di silenzi. Ma insieme ai chiarimenti, poco per  volta, il romanzo  si trasforma da familiare in qualcosa d’altro  di molto più inquietante. È durante  il viaggio nella memoria, negli anni più complessi e bui dell’adolescenza, incalzato dal confronto con la sorella, che Agnese ripensa al momento più doloroso e rimosso, quello che ha segnato per sempre la sua vita.

All’angoscia si aggiunge poi un’altra preoccupazione: le sue due figlie, in vacanza da sole e non raggiungibili telefonicamente, non danno notizie da giorni…

In un valzer di colpi di scena, il presente e il passato finalmente si ricompongono in un puzzle imprevedibile. È in una Firenze grigia e spenta e in un paesaggio dolomitico che la verità si fa largo in un colpo di scena finale.

Una ragazza affidabile di Silena Santoni ED. Giunti.

Se ami i romanzi che parlano di emancipazione amore e coraggio, potrebbe piacerti anche “La ricamatrice di Winchester“.