Home Attualità Stile di vita sostenibile: l’ecomappa di Greenpeace

Stile di vita sostenibile: l’ecomappa di Greenpeace

Il progetto Ecomappa è il primo di questo tipo in Italia e ha l’obiettivo di favorire una nuova visione dei centri urbani, più green e a misura di persona

0
stile-di-vita-sostenibile-ripensare-il-centro-cittadino
Foto di Igor Saveliev da Pixabay

Avere uno stile di vita sostenibile è sempre più importante, si pensi che il 55% della popolazione mondiale vive e lavora nelle città producendo il 70% delle emissioni globali di gas serra. È dunque un dovere impegnarsi affinché si possa ripensare al modo di vivere le nostre città, riscoprendone il volto green. Un primo passo in questo senso lo ha fatto Greenpeace con la sua nuova mappa interattiva.

Greenpeace è sempre in prima linea per la salvaguarda dell’ambiente con tantissime iniziative, ha messo a disposizione degli utenti una guida “responsive” utilizzabile su pc, smartphone e tablet, che servirà per andare alla ricerca delle aree verdi e i servizi di bike sharing più vicini. Una app geo local che aiuterà anche a trovare i punti vendita di prodotti sfusi o usati, i mercati contadini e gli orti urbani.

Stile di vita sostenibile: dalla alimentazione, ai consumi e alla mobilità

Ma non finisce qui la mappa interattiva di Greenpeace è davvero utile a chi vuole mantenere uno stile di vita sostenibile, a partire dall’alimentazione fino alla mobilità, con la nuova mappa infatti sarà possibile capire quale aree della città sono collegate da piste ciclabili, scoprire se ci sono ciclo-officine nei paraggi, dove è possibile dissetarsi con fontanelle ed erogatori di acqua potabile, conoscere parchi, giardini e botteghe artigiane.

Uno stile di vita sostenibile che permetterà alle cittadine ed ai cittadini di avvalersi di uno strumento per ridurre il nostro impatto sull’ambiente, dai trasporti ai consumi. Il progetto Ecomappa è il primo di questo tipo in Italia e ha l’obiettivo di favorire una nuova visione dei centri urbani, più green e a misura di persona.

L’ecomappa di Greenpeace è disponibile cliccando su questo link. Le città pilota del progetto sono al momento: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Palermo, Firenze, Lucca e Pisa. I punti segnalati nelle mappe cittadine sono stati verificati e censiti dai volontari e della volontarie di Greepeace. Ma tutti noi possiamo contribuire attivamente al progetto.

”Grazie alle nostre volontarie e ai nostri volontari, abbiamo raccolto le soluzioni già esistenti per una vita più sostenibile nei centri urbani e speriamo che questo progetto cresca nel tempo, con la partecipazione di tutte e tutti, ispirando la nascita di nuove abitudini ed esperienze verso città sempre più vivibili.” 

Martina Borghi portavoce del progetto Ecomappa di Greenpeace Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui