Plastica nel make-up che viene quotidianamente utilizzato, è questo l’allarme lanciato da Greenpeace da sempre in prima linea nella salvaguardia del Pianeta e che spesso come in questo caso dispensa utili consigli per fare acquisti più consapevoli nel rispetto dell’ecosistema.

Plastica nel make-up il video che fa riflettere

Con un video diretto Da Matteo Rovere, Greenpeace lancia l’allarme microplastiche. Il video disponibile su Youtube e visualizzabile a fondo pagina intende sensibilizzare il pubblico circa il tema dell’inquinamento dei mari e del Pianeta, sottolineando la pericolosità della plastica presente anche nei più comuni prodotti di make-up come: mascara, rossetti, lucidalabbra, fondotinta, ciprie e illuminanti.

Il video diretto da Matteo Rovere con la casa di produzione Groenlandia. realizzato dalla agenzia DLV BBDO si intitola Mirror (specchio) e vede come protagonista l’attrice Greta Scarano protagonista in Suburra, La Linea Verticale, Il nome della Rosa.

La guida Il trucco c’è

Oltre al video, Greenpeace mette a disposizione degli utenti una guida utile a ad individuare la presenza di ingredienti in plastica nei prodotti di bellezza in modo da fare scelte più consapevoli.

È risaputo che le plastiche contenute in questi prodotti hanno scarsa biogradabilità ciò significa che possono compromettere irrimediabilmente l’ambiente per secoli, senza contare ovviamente l’effetto che il trucco contenente microplastiche può generare a lungo termine sulla pelle.

La plastica nel make-up è un problema serio che va combattuto attraverso la consapevolezza. Oggi esistono prodotti privi di plastica e attraverso la guida di Greenpeace sarà più facile scegliere quelli plastic free. La guida intitolata “Il trucco c’è” è scaricabile cliccando qui.

Secondo Greenpeace la plastica può trovarsi in numerosi prodotti di make-up, in forma solida di microplastiche ma anche in forma liquida semisolida e solubile e queste sostanze vengono puntualmente disperse nell’ambiente.

La guida fornisce info dettagliate sui diversi tipi di plastica utilizzata nei comuni prodotti di bellezza, sarà un utile ausilio al momento dell’acquisto.  La dicitura INCI (International Nomenclature of Cosmetics Ingredients) che si trova solitamente nelle confezioni ti aiuterà a individuare con facilità se nel prodotto che intendi acquistare sono contenuti ingredienti in plastica.

Una importante iniziativa in difesa del Pianeta

Una iniziativa importante considerando che la frenesia della vita quotidiana fa passare alcune problematiche inosservate. Spesso non ci curiamo di sapere cosa è contenuto nei prodotti che utilizziamo e come sostiene Giuseppe Ungherese responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia spesso siamo complici inconsapevoli di una contaminazione destinata a durare per secoli.

Attraverso la guida chiunque potrà fare la sua parte in difesa del pianeta.