Home Animali I gatti possono contrarre il Covid?

I gatti possono contrarre il Covid?

0
i-gatti-possono-contrarre-il-covid?
Pixabay | Mihail_hukuna

Avrai spesso sentito che anche gli animali domestici possono essere colpiti da Covid-19, anche i gatti possono contrarre il Covid. Quindi ti sarai chiesto se questi possano rappresentare un veicolo di infezione anche per la famiglia. Abbiamo parlato di animali che hanno contratto il Covid-19 negli zoo e in alcuni allevamenti, tuttavia solo un piccolo numero di animali domestici è stato contagiato.

La maggior parte ha riportato sintomi lievi, mentre alcuni non hanno addirittura mostrato sintomi. La malattia grave negli animali domestici sembra essere una remota possibilità, anche se è bene non abbassare la guardia.

I gatti possono contrarre il Covid, ma non è lo stesso degli esseri umani

Secondo quanto affermato sul sito della Boehringer Ingelheim dal veterinario Hervé Poulet sia i cani che i gatti possono essere infettati da un altro tipo di Coronavirus detto Canine Enteric Coronavirus che può causare enteriti di lieve entità nei cani infettando le cellule dell’intestino.

Mentre Jean-Philippe Tronel, Global Technical Director for Pet Vaccines, ricorda che esistono vaccini polivalenti contro questa malattia, già utilizzati in Nord America e in alcuni paesi asiatici e del Sud America. Se si fa riferimento ai gatti l’esperto ricorda che esiste anche il Feline Coronavirus che può causare una grave malattia nei gatti nota come peritonite infettiva felina che si può prevenire attraverso un vaccino già disponibile in alcuni paesi europei, asiatici e sudamericani.

I gatti possono contrarre il Covid a causa del contatto con gli umani?

Secondo quanto riferito sul sito WebMD alcuni gatti sono risultati positivi al Coronavirus dopo essere stati in contatto con persone infette. I primi studi effettuati hanno dimostrato che i gatti possono contrarre il Covid e sono gli animali che hanno le maggiori probabilità di subire il contagio.

Posso essere contagiato dai miei animali domestici?

Attualmente non ci sono evidenze a sostegno del fatto che gli animali domestici possano essere una fonte di infezione per gli umani o che possano diffondersi tramite la pelle negli umani o tramite il pelo degli animali, ma è bene tenere a mente che se in casa ci sono dei bambini o persone con un sistema immunitario debilitato o persone di età pari o superiore ai 65 anni, queste hanno in generale più probabilità di sviluppare patologie connesse ai germi che gli animali possono veicolare.

Come proteggere il mio animale domestico dal Covid-19?

In questo periodo sarebbe opportuno evitare che il nostro animale stia a contatto con persone o animali al di fuori della propria famiglia, evitare i parchi pubblici e le aree cani affollate. Quando porti a spasso il tuo cane devi assicurarti di tenerlo ad almeno 2 metri di distanza da altre persone o animali. Tieni i gatti in casa per quanto questo sia possibile.

Se mi ammalo di COVID-19 come mi comporto per proteggere i miei animali?

Nel dubbio cerca di isolarti anche rispetto del tuo amico a quattro zampe. Per quanto possa essere emotivamente doloroso chiedi a qualcuno della famiglia o ad un tuo amico/amica di prendersi cura del tuo animale domestico. Per proteggerlo dovrai a malincuore evitare di coccolarlo, accarezzarlo e baciarlo. Se sei positivo al virus ma nessuno può aiutarti, allora usa la mascherina, usa i guanti in lattice e lavati le mani con attenzione prima e dopo avergli dato da mangiare.

Non coprire il muso del tuo animale con mascherine o simili. Per pulirlo dopo la passeggiata non usare disinfettanti che possano risultare dannosi e irritanti.

Se il tuo animale sviluppa dei sintomi, non temporeggiare e chiama immediatamente il veterinario!

Gli  animali domestici che si sono ammalati fino ad ora hanno manifestato per lo più sintomi lievi e nessuno di questi è morto, tant’è che è stato possibile curarli a casa. Tuttavia mai fare da sé contatta immediatamente il medico veterinario.

In tutto il mondo è ancora in corso la ricerca sui percorsi di infezione. Non ci sono ancora dati scientifici in merito alla trasmissione della malattia da animali domestici ad esseri umani. Nel frattempo seguiremo tutte le raccomandazioni degli esperti internazionali della OIE dell’Organizzazione Mondiale della Salute Animale e dell’OMS.

Disclaimer: questo pezzo non è stato scritto da un medico e si basa su informazioni reperite da siti autorevoli linkati all’interno del pezzo. Per qualsiasi problema di salute del vostro animale domestico ribadiamo il nostro consiglio, ossia rivolgersi prontamente al veterinario di fiducia.

Articolo precedenteI gatti più costosi del mondo
Articolo successivoLiquido nero dalla canna fumaria
"Da ragazzino ero ossessionato dalla musica, dalla scrittura e dal cantare canzoni". Anthony Minghella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui