Una folle teoria complottistica si è fatta largo nelle ultime ore. Greta Thunberg viaggia nel tempo.

La folle teoria complottistica ha attecchito grazie ad una foto del 1898 che ritrae tre bambini in una miniera d’oro a Klondike in territorio canadese.Una dei tre assomiglia in maniera a dir poco impressionante alla piccola grande attivista svedese.

Immagine esplicativa dell'articolo Greta Thunberg viaggia nel tempo

Fonte: Washington University Libraries Digital Collections

Greta Thunberg viaggia nel tempo: la teoria complottistica

Alcuni credono sia proprio lei e che sia potuta venire dal passato in veste di Messia, per metterci in guardia dai pericoli del presente e del futuro. E’ pur vero che la somiglianza è impressionante, c’è chi però pensa che la foto sia un fake e che in realtà sia stata modificata ad hoc con Photoshop con il fine di creare scompiglio sul web.

La risposta è semplice

Greta non viaggia nel tempo, la foto è assolutamente autentica e proviene dagli archivi della Biblioteca dell’Università di Washington. Lo scatto come detto risale al 1898,  si intitola Three children operating rocker at a gold mine on Dominion Creek, Yukon Territory, ca. 189 e la bambina è molto somigliante alla più famosa Greta dei giorni nostri.



Quella bambina oggi potrebbe avere si e no 132 anni, ma vi assicuro non è Greta, nonostante il fascino proibito del complotto spazio temporale.

Il sonno della ragione produce mostri

Non sarebbe necessario specificarlo, ma il sonno della ragione produce mostri, cosicché alcuni complottisti del web hanno colto la palla al balzo per far circolare strane teorie su Greta e sulle sue presunte doti messianiche. L’autore dello scatto è lo svedese Eric A. Hegg, che faceva parte della spedizione degli stessi piccoli ricercatori d’oro ritratti nella foto data in pasto al web.

In realtà anche i bambini potrebbero essere svedesi come l’autore della foto, anche perché non era inusuale che gli scandinavi andassero a cercare fortune lontano da casa, non è escluso dunque che tutti i componenti di quella spedizione potessero essere svedesi.

Non vi è nulla di strano nel fatto che una bambina possa somigliare a Greta Thunberg.

Quindi nessun Messia all’orizzonte e nessun fatto eccezionale. Un piccolo miracolo però forse Greta Thunberg è riuscita a farlo, ossia quello di accendere i riflettori sui pericoli del cambiamento climatico, migliorando la consapevolezza sociale e spingendo pubblicamente i governi mondiali a fare di più.