Home Sport Campionato Serie A: una pazza ventisettesima giornata

Campionato Serie A: una pazza ventisettesima giornata

0
campionato-serie-a-una-pazza-domenica

La ventisettesima giornata del campionato di seria A ha riservato non poche soprese sia ai piani alti che nella zona calda della classifica laddove si combatte per non retrocedere. Passi falsi che spesso possono costare una stagione ma che da un punto di vista prettamente egoistico rendono ancora più suggestivo questo campionato dominato dall’incertezza e da colpi di scena, in una seria A tra le più imprevedibili degli ultimi anni.

Il campionato è ancora aperto la Fiorentina alza la testa

Se da un lato l’Atalanta in casa propria fa il suo dovere di big e travolge lo Spezia per 3-1, nella zona calda una ritrovata Fiorentina porta a casa tre punti asfaltando letteralmente un Benevento costretto nella propria metà campo. La Fiorentina allunga il passo e stacca a + 1 il Genoa fermato a casa propria dai bianconeri dell’Udinese. Vlahovic segna una tripletta da Playstation e si porta il pallone a casa.

Una Fiorentina trasformata che ha invertito la tendenza che la vedeva poco incisiva fuori casa. I viola fino alla ventiseiesima giornata avevano conquistato un magro bottino nella gare in trasferta secondi solo al fanalino di coda Crotone punito per 3 a 2 in casa della Lazio con il fiato sul collo della Roma.

Il Parma non molla e gela la Roma

Il Parma che molti davano per spacciato e con una difesa non all’altezza rialza la testa e fa contenti tutti, con il punteggio secco di 2-0 con reti di Mihalia ed Hernani porta a casa il risulto e fa rimpiombare i giallorossi in una crisi identitaria che pareva essersi interrotta dopo la striscia positiva, in una stagione quella giallorossa con troppi alti e bassi. La débâcle di Benevento e Torino sono la ciliegina sulla torta per questo Parma che ha tutte le carte in regola per salvarsi.

Il KO del Cagliari per 1 a 3 con tripletta di CR7 con tanto di accese polemiche post partita sulla scorrettezza commessa dal campione portoghese nei confronti del portiere Cragno. Cristiano Ronaldo ora è primo nella classifica marcatori con 23 gol lasciandosi alle spalle Lukaku e Muriel seppur con qualche calcio di rigore in più.

Il Milan rischia di dire addio ai sogni scudetto

Il Milan perde a casa con il Napoli di Gattuso, dopo una partita equilibrata è Politano al quarantanovesimo  a sbloccare la situazione e a siglare la rete dello 0 a 1 che vale tre punti per il Napoli, portandolo al quinto posto a 50, pari punti con la Roma che vanta una gara in più. Il Sassuolo che concorre per un posto in Europa League rifila 3 gol all’Hellas Verona in un match ricco di gol ed emozioni, con Traroré che chiude una  partita equilibratissima al minuto 81.

Inter normale amministrazione

L’Inter si comporta da Inter amministra la gara contro il Torino vincendo per 2 -1, volando a + 9 sui cugini rossoneri che con l’ennesimo passo falso rischiano di dire addio ai sogni scudetto. Mancano ancora 11 giornate e il campionato è ancora aperto. L’auspicio è quello di vedere tornare il tifo negli stadi, il dodicesimo uomo in campo (La Bombonera docet), che contribuisce in maniera determinante a questo spettacolo chiamato calcio.

 

 

Articolo precedenteLa città dei vivi: un caso di cronaca nera diventa letteratura
Articolo successivoSmartworking e paternità: come i papà affrontano il lavoro da casa
"Da ragazzino ero ossessionato dalla musica, dalla scrittura e dal cantare canzoni". Anthony Minghella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui